Malattie fungine delle piante – Riconoscere e eliminare le Muffe

muffe e funghi malattie fungine delle piante

Malattie fungine delle piante – Come si presentano e come si combattono

Sopratutto in climi caldo umidi, malattie fungine delle piante possono svilupparsi con facilità e proliferare rapidamente fino a provocare ingenti danni al nostro orto o giardino.

Nella coltivazione indoor, sopratutto, una errata gestione del microclima rende ancor più facile un’infestazione fungina che può mettere a repentaglio l’intero raccolto.

Come riconoscere quindi i primi sintomi? Quale aspetto assumono le varie muffe? Quali danni provocano? E come si debellano? Vediamolo insieme:

malattie delle piante ruggine delle piante

RUGGINE DELLE FOGLIE

(Phragmidium rosarum). Malattia di origine fungina che, trascurata, può essere molto dannosa; si manifesta con la precoce caduta delle foglie, che vanno bruciate poiché le spore fungine possono rimanere nella terra da una stagione all’altra.

Il fogliame infestato da questa malattia deve essere trattato con prodotti a base di triforina o feranimol.

puccinia antirrhini

RUGGINE DI ANTIRRHINUM

(Puccinia antirrhini). Quando le piante di Antirrhinum sono affette da questa malattia di origine fungina è estremamente difficile curarle e salvarle.

Non bisogna mai piantare nuove piante in aiuole o semenzai dove la malattia era presente l’anno prima, poiché la terra può rimanere infetta da una stagione all’altra.

La soluzione migliore per le zone infestate da questa malattia è di coltivare soltanto varietà immuni dalla ruggine.

In commercio si trovano semi di queste speciali razze di Antirrhinum.

mavcchia nera delle foglie Marssonina rosae diploearpon rosae

MACCHIA NERA DELLE ROSE

(Marrsonina rosae, Diploearpon rosae). E’ la malattia più grave che attacca i rosai e causa gravissimi danni distruggendo il fogliame e indebolendo di conseguenza la pianta.

Più comune in alcune zone che in altre, è meno diffusa in città dove l’atmosfera inquinata è sfavorevole al suo sviluppo. Si tratta di una malattia di origine fungina per cui è necessaria una lotta preventiva in primavera, appena il termometro sale a 20°, particolarmente nelle zone infestate dalla malattia.

I trattamenti vanno ripetuti ogni 20 giorni. Le foglie malate devono essere rimosse dalla pianta e bruciate.

malattie fungine delle piante oidio mal bianco

MAL BIANCO O OIDIO

(Sphaerotheca panosa). Attacca in particolare i giovani germogli e le foglie di molte varietà di piante durante tutta la stagione di crescita, alcune piante erbacee perenni come i Phlox, gli Astri Settembrini e certe piante annuali a fine estate, sopratutto le Zinnie e i Coreopsis.

E’ una malattia pericolosa e deformante che può essere tenuta efficacemente sotto controllo con zolfo in polvere applicabile con un soffietto, al mattino presto, mentre le foglie sono ancora umide di rugiada, come misura preventiva.

malattie delle piante botrite

 

MUFFA, MACCHIE, MARCIUME DELLE FOGLIE

(Peronospera sparsa, Colletotrichum dracaenae, Botrytis, cinerea, Gloeosporium). Sono malattie particolarmente evidenti nel caso del Pelargonium, del Chrisanthemum, della Dahlia e di piante da appartamento.

Generalmente si tratta di malattie di origine fungina; si combattono con prodotti a base di zineb, ziran, maneb, captan.

Bisogna assicurarsi, però, che le macchie non siano causate da afidi o cocciniglie, nel qual caso si dovrà ricorrere a prodotti capaci di distruggere questi parassiti.

rogna dell'olivo

ROGNA DELL’OLIVO

(Pseudomonas sovastanoi). Si tratta di una particolare malattia di tipo batterico che causa una malformazione nelle foglie dell’olivo.

E’ chiamata anche tumore o cancro dell’olivo.

Ecco i provvedimenti: taglio dei rami colpiti ad almeno 15 cm sotto il limite di infezione; distruzione col fuoco delle parti tagliate; disinfezione delle forbici in soluzione di formalina al 15%, dopo il taglio di ogni ramo; pennellature con poltiglia bordolese al 3% sui tagli della potatura; lotta contro gli insetti che, infestando l’olivo, trasmettono il batterio da una pianta all’altra.

Nelle serre e nella coltivazione indoor in generale, un attento controllo dell’umidità e della ventilazione sono indispensabili per prevenire l’attacco da malattie fungine delle piante.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.