Posted on Lascia un commento

Potatura

la potatura delle piante

La Potatura – Come, quando e perché?

La potatura di piante legnose è necessaria per diverse ragioni: conservarle in buona salute, o per eliminare il legno morto, malato o danneggiato; per incoraggiare la formazione di vegetazione fitta e vigorosa; per produrre piante adulte di sana struttura e per controllare la crescita in modo da ottenere il massimo effetto decorativo della pianta.

Una potatura regolare stimola anche la produzione di vegetazione nuova che di solito dà fiori e frutti in maggior quantità e di migliore qualità rispetto al legno ormai vecchio o malato.

Principi della potatura

Prima di eseguire tagli controllare la forma generale della pianta. Non tagliare mai in modo indiscriminato. Iniziare eliminando il legno morto, malato o rovinato per provvedere all’igiene e alla salute della pianta. I successivi interventi dipendono dall’età e dal tipo di rami da fiore e anche dal vigore e dalla capacità della singola specie di produrre nuova vegetazione in risposta alla potatura.

Se una pianta è in buona salute, è nutrita a sufficienza e tollera la potatura drastica, quanto più si pota un getto tanto più questo crescerà vigorosamente. Al contrario, una potatura leggera produrrà un ricaccio limitato. Le piante legnose che producono fiori prima di metà estate di solito fioriscono sui rami dell’anno precedente.

Quindi vengono potate dopo la fioritura in modo che la nuova vegetazione abbia un’intera stagione per maturare prima di fiorire l’anno seguente. La maggior parte delle piante con fioritura dopo la metà dell’estate fioriscono sui rami dello stesso anno; queste si potano in inverno o in primavera, perché fioriranno più tardi nella stagione, sulla vegetazione nuova.

Tuttavia, la potatura primaverile (quando la linfa sta aumentando) va evitata per le piante che <<piangono>> (fuoriuscita di linfa) se tagliate.

Potatura di formazione

Lo scopo della potatura di formazione è quello di produrre una struttura di rami robusti e ben distanziati che lasciano passare luce ed aria a tutta la pianta. Gran parte delle sempreverdi e degli arbusti richiedono una scarsa potatura di formazione, ma a volte esigono un leggero intervento dopo la messa a dimora in primavera per crescere in modo equilibrato.

La potatura di formazione delle specie decidue va eseguita nella stagione di riposo, alla messa a dimora o subito dopo. Se un giovane arbusto ha una forma disordinata, accorciare molto, poi selezionare 4 o 5 rami robusti e distanziati regolarmente per formare la nuova struttura, tagliare via il resto.

Alcune piante richiedono solo interventi minimi; si tratta di arbusti a crescita lenta con chioma intricata il cui aspetto ornamentale si rovina se i rami vengono accorciati.

Potatura di contenimento

E’ meglio scegliere piante di dimensioni naturali adatte allo spazio disponibile in giardino invece di potarle per ridurne il volume. In serra, però, questa potatura è spesso inevitabile. Tuttavia la potatura dovrebbe essere più drastica del solito e, in molti casi, eseguita ogni anno.

Si deve ridurre la vegetazione dell’anno precedente di uno o due terzi della sua lunghezza dopo la fioritura, lasciando solo i getti più forti per mantenere una forma aperta con rami ben distanziati.

Potatura di ringiovanimento

Alcuni arbusti vecchi o troppo cresciuti, come quelli che producono nuovi getti dalla base o dal legno vecchio, si possono ringiovanire con una forte potatura. Rimuovere i fusti decidui dopo la fioritura o quando sono in riposo e gli arbusti sempreverdi a metà primavera.

Per ottenere un rinnovamento drastico con un solo intervento, accorciare tutti i fusti principali a 30-45 cm da terra. Scegliere i 3 o 4 getti più robusti che formeranno la nuova struttura e tagliare il resto. Tranne che per gli arbusti più tolleranti è meglio distribuire la potatura in 2 o 3 anni.

Quindi fare una pacciamatura di 5-10 cm, dare un concime bilanciato a lento rilascio e innaffiare regolarmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.